Area scuole

Psicologia scolastica

Visto il crescente bisogno di avvicinarsi alle esigenze di tutti gli attori che vivono all’interno del panorama scolastico e visto l’aumento del numero di fenomeni legati al disagio:

  •  episodi di bullismo
  •  abuso di droghe “vecchie” e “nuove”
  •  stili di vita giovanili pericolosi (fumo, alcool, guida pericolosa..)
  •  nascita di nuove dipendenze (la dipendenza da internet) ed
  •  abbandono precoce della scuola
  •  crescente richiesta di un’efficace ed utile comunicazione fra  gli operatori scolastici e non (famiglie)

è possibile istituire un SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA (SECONDO QUANTO PREVISTO DAL TESTO UNIFICATO PREDISPOSTO DAL COMITATO RISTRETTO PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 2967, 2888, 1829, 3345, 3620 E 3866 CHE DELIBERA L’ ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA) orientato a perseguire i seguenti obiettivi:

Servizio di sportello psicologico per gli studenti

SUPPORTARE GLI ALUNNI, FORNENDO UN CORRETTO ASCOLTO:
(l’ascolto come prevenzione)
Una serie di incontri dove è centrale il tema dell’ascolto e della comprensione sulle difficoltà incontrate nel corso dell’anno da parte degli alunni. In questi incontri si valutano quali possibili soluzioni possano essere funzionali e positive per il percorso dei ragazzi, sia sotto l’ aspetto scolastico, che di vita in un senso più allargato.

Servizio di “Orientamento Scolastico e Professionale”

AIUTARE GLI STUDENTI AD ORIENTARSI CON CONSAPEVOLEZZA.
Facilitare lo studente nell’esprimere a se stesso quali  possano essere le proprie attitudini e propensioni, chiarendosi le idee sulle proprie mete future.

Facilitare la comunicazione all’interno del sistema classe.

INCONTRI FRA LO PSICOLOGO E GLI STUDENTI DELLA/E CLASSI.
Creare e progettare momenti in cui gli studenti, o il sottogruppo degli studenti di una classe, possano incontrarsi per potersi confrontare su aspetti e tematiche riguardanti diverse aree della propria vita.
Creare gruppi in cui possono partecipare studenti, anche di classi miste, dove si toccano argomenti e tematiche specifiche (aggressività, differenze di genere, sessualità ecc.).  

Attività di consulenza INDIVIDUALE rivolta ai docenti ed agli operatori del sistema scuola.

DARE UNO SPAZIO DI ASCOLTO RIVOLTO ALLE  FIGURE DIRETTAMENTE COINVOLTE ALL’INTERNO DELLA RELAZIONE EDUCATIVA (COME INSEGNANTI E PERSONALE DI SOSTEGNO)
Momenti di ascolto individuali rivolti agli insegnanti, alle loro aspettative e difficoltà
Presa in carico ed analisi di episodi significativi vissuti con i loro studenti e con i loro colleghi. 

Facilitare la comunicazione tra gli insegnanti all’interno del consiglio di classe

FACILITARE I FLUSSI COMUNICATIVI ALL’INTERNO DEL GRUPPO DEGLI INSEGNANTI CHE FANNO PARTE DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Aumento della conoscenza psicologica sullo specifico momento di crescita evolutivo che stanno affrontando i propri studenti.
Analisi dell’ideologia educativa degli insegnanti e dei conflitti tra diversi punti di vista di fronte a certi problemi della classe.
Focalizzazione su di una specifica problematica che viene analizzata in gruppo e dove ci si confronta insieme.

Incontri/Lezioni psico-educative

Lore PROMOZIONE DI ATTIVITÀ RIVOLTE AL BENESSERE ED ALLA PREVENZIONE
Gruppi di informazione e prevenzione (ad. esempio la devianza giovanile con i fenomeni del bullismo ed i fenomeni legati alla droga).

Progetti specifici 

Creare e progettare misure di intervento in relazione a situazioni e    specifiche esigenze della scuola: ad esempio “un programma per il contenimento dell’ansia legata agli esami di passaggio, come quello dalle scuole medie alle superiori, o quello di maturità”.